Programma Erasmus+. Bando Azione chiave 3: Inclusione sociale e valori comuni: il contributo nei settori dell’istruzione e della formazione

Scade il 25 febbraio 2020, l'invito a presentare proposte EACEA/34/2019 per l'azione chiave 3 per il "Sostegno alla riforma delle politiche - Inclusione sociale e valori comuni: il contributo nei settori dell’istruzione e della formazione, pubblicato nell'ambito del programma Erasmus+.

Il presente invito, Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell'Unione europea, serie C 358 del 22 ottobre 2019 offre sostegno a progetti di cooperazione transnazionale nei settori dell’istruzione e della formazione generali e dell’istruzione degli adulti.

L’invito comprende due lotti,

  • istruzione e la formazione generali (lotto 1)
  • istruzione per gli adulti (lotto 2).

Ogni domanda deve avere come oggetto un obiettivo generale e uno degli obiettivi specifici, che sono diversi per il lotto 1 e per il lotto 2. Gli obiettivi sia generali che specifici dell’invito a presentare proposte sono indicati in maniera esaustiva: le proposte che non ne tengono conto non saranno prese in considerazione.

Lotto 1 – Istruzione e formazione generali

Obiettivi generali

I progetti presentati nell’ambito di questo lotto dovrebbero avere come scopo:

  1. la divulgazione e/o l’incremento di buone prassi sull’apprendimento inclusivo avviate in particolare a livello locale. Nel contesto del presente invito, con il termine incremento si intende la replicazione di buone prassi su più ampia scala/il loro trasferimento in un contesto diverso o la loro attuazione a un livello più elevato/sistemico oppure;
  2. lo sviluppo e l’attuazione di metodi e pratiche innovativi per favorire un’istruzione inclusiva e promuovere valori comuni.

Obiettivi specifici

Le proposte devono riguardare uno degli obiettivi specifici seguenti:

  • a) migliorare l’acquisizione di competenze sociali e civiche, promuovere la conoscenza, la comprensione e il riconoscimento dei valori comuni e dei diritti fondamentali;
  • b) promuovere l’istruzione e la formazione inclusive nonché l’istruzione degli allievi svantaggiati, anche attraverso il sostegno al personale docente per affrontare e rafforzare la diversità tra il corpo insegnante;
  • c) rafforzare il pensiero critico e l’alfabetizzazione mediatica tra i discenti, i genitori e il personale docente;
  • d) sostenere l’inclusione dei soggetti di recente immigrazione in strutture scolastiche di buona qualità, anche attraverso una valutazione delle conoscenze e il riconoscimento delle competenze acquisite in precedenza;
  • e) favorire le abilità e le competenze digitali di gruppi digitalmente esclusi (compresi anziani, migranti e giovani provenienti da contesti svantaggiati) attraverso partenariati tra scuole, imprese e il settore non formale, incluse le biblioteche pubbliche.

I progetti nell’ambito del lotto 1 sono incoraggiati a integrare dei modelli di riferimento all’interno delle loro attività.

Lotto 2 – Istruzione per gli adulti

Lo scopo di questo lotto è sostenere progetti che creano o sviluppano ulteriormente reti transnazionali e nazionali di erogatori d’istruzione per gli adulti. Tali progetti devono contribuire a rafforzare la capacità degli erogatori d’istruzione per gli adulti di attuare la politica europea in materia di apprendimento degli adulti a livello nazionale e regionale.

Obiettivi generali

Le proposte devono riguardare uno dei tre obiettivi specifici seguenti:

  1. all’interno dei paesi partecipanti, contribuire all’istituzione di nuove reti nazionali o regionali di erogatori d’istruzioneper gli adulti e favorire la loro partecipazione alla cooperazione europea, oppure;
  2. all’interno dei paesi partecipanti, fornire sostegno per lo sviluppo di capacità alle reti nazionali o regionali esistenti di erogatori d’istruzione per gli adulti e migliorarne la cooperazione a livello europeo oppure;
  3. rafforzare le reti transnazionali esistenti di erogatori d’istruzione per gli adulti mediante l’apprendimento reciproco, la consulenza tra pari e lo sviluppo di capacità.

Obiettivi specifici

Inoltre, le proposte devono promuovere la cooperazione europea tra i diversi erogatori (e le parti interessate pertinenti) su:

  • a) temi specifici nell’ambito dell’apprendimento degli adulti (ad esempio, competenze digitali, competenze alfabetiche e aritmetico-matematiche, cittadinanza, competenze in materia di gestione della carriera, conoscenze in materia sanitaria,
  • finanza personale, integrazione dei migranti, apprendimento intergenerazionale, inclusione sociale...) oppure
  • b) approcci pedagogici specifici e innovativi nell’istruzione per gli adulti (apprendimento misto, metodi di apprendimento personalizzati, tecnologie dell’istruzione ecc.) oppure
  • c) specifici gruppi di discenti dell’istruzione per gli adulti (ad esempio, istruzione per gli adulti rivolta ad anziani o a residenti in zone rurali isolate, persone inattive, detenuti...)  oppure
  • d) specifici temi di gestione organizzativa (sostenibilità finanziaria, creazione di reti locali o regionali, internazionalizzazione, sviluppo professionale strategico del personale, comunicazione e coinvolgimento dei social media ecc.) oppure
  • e) modelli specifici di istruzione per gli adulti (ad esempio, scuole superiori popolari, scuole della «seconda possibilità») oppure
  • f) l’istruzione per gli adulti in generale.

 

Le proposte ammissibili provengono da organizzazioni pubbliche e private operanti nei settori dell’istruzione e della formazione generali e dell’istruzione per gli adulti o in altri settori socio-economici, oppure da organizzazioni che svolgono attività trasversali (organizzazioni culturali, società civile, organizzazioni sportive, centri di riconoscimento,

camere di commercio, organizzazioni di settore ecc.).

Se si tratta di istituti d’istruzione superiore, essi devono aver ricevuto una Carta Erasmus per l’istruzione superiore (CEIS). Le agenzie nazionali o altre strutture e reti del programma  rasmus+ che ricevono una sovvenzione diretta dalla

Commissione in conformità della base giuridica del programma Erasmus + non sono ammissibili a partecipare. Tuttavia, i soggetti giuridici che ospitano le agenzie nazionali per il programma Erasmus+ o le strutture e le reti summenzionate sono considerati proponenti ammissibili.

Sono ammissibili esclusivamente le domande di persone giuridiche aventi sede in uno dei seguenti paesi del programma:

  • gli Stati membri dell’Unione europea;
  • i paesi EFTA/SEE: Islanda, Liechtenstein e Norvegia;
  • i paesi candidati all’adesione all’UE: Macedonia del Nord, Turchia e Serbia.

Requisiti specifici per lotto

Lotto 1:

Il requisito minimo di composizione di un partenariato per questo lotto è di 4 organizzazioni ammissibili che rappresentino 4 diversi paesi del programma.

Se nel progetto sono coinvolte delle reti, il partenariato deve essere costituito almeno da 2 organizzazioni che non siano membri di una rete e deve rappresentare almeno 4 paesi ammissibili.

Lotto 2:

Il numero minimo di partner richiesti per questo lotto è di 4 organizzazioni ammissibili che rappresentino 4 diversi paesi del programma.

Se una delle 4 organizzazioni è una rete transnazionale esistente, il progetto deve comprendere almeno 2 organizzazioni che non appartengano a tale rete.

Sono considerate ammissibili a ricevere il finanziamento solo le attività che si svolgono nei paesi del programma

Le attività devono avere inizio il 1 novembre, il 1 dicembre 2020 o il 15 gennaio 2021.

La durata del progetto dev’essere di 24 o 36 mesi.

La dotazione di bilancio totale disponibile per il cofinanziamento dei progetti nell’ambito del presente invito a presentare proposte è di 20.000.000 di euro, così ripartiti:

  • Lotto 1. Istruzione e formazione generali 14.000.000 euro
  • Lotto 2. Istruzione per gli adulti 6.000.000 euro

Il contributo finanziario dell’UE non potrà superare l’80 % del totale dei costi di progetto ammissibili.

 

I proponenti sono invitati a leggere con attenzione tutte le informazioni inerenti all’invito a presentare proposte EACEA/34/2019 e alla procedura di presentazione e a utilizzare i documenti obbligatori disponibili al seguente link.

Tutte le informazioni relative all’invito EACEA/34/2019 sono disponibili sul seguente sito Internet (riferimento dell’invito EACEA/34/2019).

Data : 
22 Ottobre, 2019
Data fine: 
25 Febbraio, 2020