Promozione del cicloturismo nell'UE. Invito a presentare proposte (scadenza 30/07/2010)

E' stato pubblicato, sul sito web della Direzione Generale Imprese e Industria della Commissione europea, un invito a presentare proposte per la promozione del cicloturismo nell'Unione europea, come strumento di sviluppo del turismo sostenibile. Il presente bando fa parte del quadro delle azioni preparatorie sul turismo sostenibile. La Commissione ha identificato la sostenibilità come aspetto fondamentale della qualità e competitività del Turismo Europeo (COM-2003/7161, COM-2006/1342).

L'obiettivo generale del presente bando è quello di trovare il giusto equilibrio tra sviluppo autosufficiente delle destinazioni turistiche e la protezione dell'ambiente, da una parte, e lo sviluppo della competitività economica, dall'altra. È sicuro che il turismo, più di ogni altra attività economica, può sviluppare sinergie con una forte
interazione verso l'ambiente e la società. Questo perché lo sviluppo delle destinazioni turistiche è
fortemente legato al contesto naturale, culturale, sociale, di sicurezza e di benessere della popolazione
locale.

Nel primo anno di avvio delle azioni per un turismo sostenibile, si è voluto mettere in evidenza
l'impatto economico regionale del ciclismo turistico e l'importanza di sviluppare il Percorso della
Cortina di Ferro come Percorso ciclabile EuroVelo n.13
. Ad oggi, EuroVelo è una rete che comprende 12
percorsi ciclabili a lunga distanza ed è gestita dalla Federazione Europea Ciclisti (ECF), in collaborazione con i centri nazionali di coordinamento EuroVelo. Si vuole completare la rete entro il 2020, in linea con il piano di sviluppo EuroVelo adottato dal ECF.
 

Gli obiettivi specifici sono:

  1. sostenere la gestione della rete ciclabile europea, puntando a un maggiore sviluppo sostenibile
  2. promuovere la creazione di percorsi ciclabili transfrontalieri/ transnazionali a livello nazionale o regionale, coinvolgendo autorità pubbliche, associazioni private e ONG, allo scopo di sviluppare il percorso della Cortina di Ferro e della Via di St. James (Percorso EuroVelo no. 3), tenendo conto anche dei bandi legati al Programma europeo di Cooperazione Territoriale.

Le azioni dovranno coprire uno dei seguenti tipi di attività:
A) proposte per una più ampia gestione europea e ulteriore sviluppo della rete ciclabile europea; le
azioni devono essere rivolte a:

  •  elaborare un piano di gestione e coordinamento tecnico dei percorsi ciclabili europei a livello comunitario che segua i criteri e gli standard qualitativi EuroVelo;
  • elaborare un sistema di valutazione per la qualità dei percorsi (incluse ispezioni in loco);
  • elaborare un database dei percorsi ciclabili europei, includendo dati, decisioni sui maggiori cambiamenti, revisioni  dei percorsi;

B) proposte per l'elaborazione di un piano d'azione transnazionale (studio di fattibilità) per lo sviluppo
e la promozione del percorso di St. James EV n.3 o della Cortina di Ferro EV n.13; le azioni devono
essere rivolte a:

  • selezionare parti di percorso da sviluppare;
  • sviluppare una rete di stakeholders regionali e/ o nazionali;
  • organizzare meetings per cercare accordi sui percorsi definitivi (soprattutto per il percorso EV n.3) e per specificare il piano d'azione;
  • valutazione dell'attuale piano d'azione ed elaborazione di un piano d'azione transnazionale (studio di fattibilità) - che delinei i piani di lavoro a breve, medio e lungo termine;
  • organizzare workshops tecnici riunendo stakeholders regionali e/ o nazionali, in modo da preparare, come azione supplementare, un'altra applicazione del progetto per ottenere un cofinanziamento dai Fondi Strutturali o da un altro Programma di finanziamento, in modo sviluppare i risultati dello studio di fattibilità.

Entrambi i tipi di azioni A e B devono includere almeno un'azione rivolta a diffondere la conoscenza e la visibilità del turismo su bicicletta in Europa.
 

La proposta dovrebbe anche prevedere come le azioni possano essere ulteriormente sviluppate dopo la fine del periodo del progetto, sia tecnicamente che finanziariamente, grazie anche ai Programmi Europei di Cooperazione Territoriale e ad altri fondi disponibili.
Se si vuole coprire entrambe le azioni A e B, devono essere inviati due progetti separati. Le azioni devono iniziare a gennaio 2011.
La durata massima del progetto è di 12 mesi.
I soggetti beneficiari devono:

  • avere personalità giuridica
  • essere stabiliti in uno Stato membro
  • la partecipazione di partner da altri Paese è permessa, ma non rientrerà tra i beneficiari devono essere soggetti attivi nello sviluppo del turismo, come:
  • autorità pubbliche, reti o associazioni nazionali, regionali o comunali incaricate dello sviluppo del turismo;
  • centri di formazione o università
  • organizzazioni gestionali e le loro reti / associazioni
  • organizzazioni no- profit o ONG
  • associazioni nazionali, europee o internazionali attive nel turismo
  • organizzazioni sociali, preferibilmente operanti in diversi Paesi, come: organizzazioni di ciclisti, organizzazioni turistiche, fondazioni, associazioni culturali, organizzazioni ambientali;
  • associazioni di regioni, città o comuni
  • federazioni e associazioni operanti in partnership transfrontaliere;

I progetti del tipo B, devono essere proposti da una partnership o consorzio tra un minimo di 3 partners di tre Paesi membri.
Almeno un partner deve esse un'autorità pubblica nazionale o regionale incaricata dello sviluppo regionale e/ o del turismo, tecnicamente e finanziariamente in grado di gestire i risultati del progetto.

È un valore aggiunto se:
per ogni paese partecipante o regione, l'autorità pubblica incaricata dello sviluppo regionale e/ o del turismo partecipa come partner o supporti formalmente il progetto tramite una lettera di intenti;
alle associazioni europee o nazionali di ciclisti viene dato un ruolo nel progetto, magari come terzo partner con funzioni di consulenza o esecutive.

Il budget totale per questo bando è di 600.000 EUR. Le sovvenzioni saranno concesse fino a un massimo del 75% delle spese totali ammissibili, a un
numero indicativo di 5-8 progetti. L'importo massimo dei finanziamento è di 120.000 EUR.
Il termine ultimo per la presentazione delle proposte è il 30 luglio 2010.