VESPRO

Le azioni del progetto saranno orientate all’analisi e valutazione del funzionamento e degli effetti del complesso delle politiche e delle misure attuate in ambito regionale, ai sensi dell’Accordo del 12 febbraio 2009, e alla definizione di Linee d’intervento per la definizione di un modello di governance delle politiche attive finalizzate ad ampliare quantitativamente e qualitativamente gli strumenti destinati a favorire gli ingressi nel lavoro.

Il progetto intende:

  • mappare i modelli di governance istituiti tra i soggetti competenti in materia di programmazione ed attuazione delle politiche del lavoro,
  • analizzare gli interventi predisposti dalle Regioni dell’Ob. Convergenza in particolare per ciò che riguarda l’integrazione delle politiche passive ed attive del lavoro, dal punto di vista dei raccordi stabilmente attivi tra amministrazioni locali, INPS, i Cpi, i SPI, le Dpl, i Cles, le Agenzie del lavoro, gli enti bilaterali e gli enti di formazione attivati ai sensi dell’articolo 19 del Decreto legge 185/2008, convertito nella Legge 2/2009;
  • definire standard di qualità dei servizi pubblici per l’impiego basati sull’integrazione di politiche attive e passive del lavoro, capaci di rispondere a livelli di performance ottimali.
  • verificare la presenza e la qualità del partenariato locale ai fini di un’adeguata integrazione tra politiche attive e passive del lavoro.

Il progetto prevede tre ambiti d’intervento nelle regioni destinatarie:

Ambito A – Ricognizione dei modelli di governance e degli interventi di integrazione delle politiche passive ed attive del lavoro, e sui raccordi stabilmente attivi tra amministrazioni pubbliche e settore privato attivati ai sensi dell’art.1 del Decreto Legge 78/2009 e dell’articolo 19 del Decreto legge 185/2008, dalle quattro Regioni destinatarie delle risorse dell’Obiettivo Convergenza 2007-2013

Si prevede una ricerca desk relativa a norme, organizzazione istituzionale e amministrativa, regolamentazione ed intese riguardanti l’applicazione dei contenuti dell’Accordo Stato-Regioni del 12 febbraio 2009; verrà effettuata altresì un’indagine di campo presso gli ambiti regionali al fine di  analizzare sia i raccordi stabilmente attivi tra amministrazioni locali, INPS, i Cpi, i SPI, le Dpl, i Cles, le Agenzie del lavoro, gli enti bilaterali e gli enti di formazione attivati ai sensi dell’articolo 19 del DL 185/2008, che i contesti economici ed amministrativi, al fine di individuare i modelli organizzativi e definire le “buone pratiche” da diffondere. A seguito dell’ analisi quantitativa e qualitativa delle informazioni raccolte, sarà elaborato un Report sui modelli di governance adottati dalle Regioni destinatarie sui raccordi stabilmente attivi ai sensi dell’art. 19 del DL 185/2008 e sull’integrazione dei sistemi informativi del lavoro.

Ambito B – Individuazione degli standard di qualità dei servizi per l’impiego ridefiniti alla luce dell’Accordo del 12 febbraio 2009 e della Riforma del lavoro pubblico (D.lgs. 150/2009)

Sulla base delle indicazioni che emergono dai progetti in fase di realizzazione da parte del Formez PA , nochè attraverso l’analisi delle strutture organizzative, dei processi di lavoro, delle risorse impegnate e dei servizi erogati, si individueranno caratteristiche ed indicatori di best practice, integrandoli in un modello tecnico-operativo di CPI in grado di erogare servizi e prodotti con elevati standard di performance, rispondenti alle esigenze dei destinatari finali e ai principi introdotti dalla riforma del lavoro pubblico, definiti nel D.lgs 150/2009.

Ambito C – Definizione di linee guida per la programmazione dei Servizi per il lavoro in grado di valorizzare l’interazione tra i soggetti coinvolti nell’attuazione di quanto disposto dall’art.19 del Decreto legge 185/2008

E’ prevista la definizione di Linee guida destinate alle Regioni per una programmazione dei Servizi per il lavoro in grado di valorizzare l’interazione tra i soggetti, pubblici e privati, coinvolti nell’attuazione di quanto disposto dall’art.19 del DL 185/2008. Il modello di programmazione dovrà essere ispirato ai princìpi del workfare.

---

 

Documentazione prodotta


Data Inizio: 
01/07/2010
Data Fine: 
31/12/2011
Destinatari: 

Dirigenti e funzionari delle amministrazioni regionali e degli altri soggetti di cui all'art.6 del D.Lgs. n.276 del 10.9.2003; gli attori del sistema locale per l'occupabilità (INPS, i CPI, i SPI, le Dpl, i Cles, le Agenzie del lavoro, gli enti bilaterali e gli enti di formazione).

Ambito Territoriale: 
Fonte di finanziamento: 
FSE
Settore: 
Servizi di Intermediazione Locale per il Lavoro
Lingua: 
Italiano
Responsabile Progetto: